L’Italia secondo Mario Bianchi.

27 luglio 2012 § Lascia un commento

Per capire le condizioni del nostro paese rispetto agli altri è utile stare a sentire qualcuno che abbia avuto occasione di viaggiare fuori dall’Italia. Soprattutto nell’ambito dei professionisti che girano il mondo per lavoro è possibile trovare informazioni di prima mano, affidabili, scarne, sintetiche, ma del tutto veritiere. Vi riportiamo le parole di un amico, che chiameremo molto italianamente Mario Bianchi, con cui abbiamo fatto una chiacchierata di pochi minuti incrociandoci casualmente in aeroporto a Milano. Lo spunto è stata qualche veloce battuta innescata dall’intervista di Bernardo Caprotti a Panorama, segnalata nel nostro post precedente. Le parole del capo di Esselunga sono allo stesso tempo drammatiche e stimolanti. Quelle del nostro Mario Bianchi eccole qua:

Quando arriverai a Shanghai ti renderai conto di quanto siamo arretrati; il confronto è spaventoso. Tutti i semafori, a Shanghai, hanno lo sfondo con una cartella nera con bordo bianco, come in Olanda. Per terra ci si potrebbe mangiare, per quanto è pulito. Tutti i cavalcavia hanno le fioriere su ambo i lati. Non esiste una strada con un buco. I cartelli stradali sono bilingue, cinese e inglese (segno di grande umiltà). La cortesia ed il servizio che sperimenti in un hotel asiatico è impensabile in occidente, perché la cortesia, l’attenzione, e soprattutto la laboriosità proprie di quelle persone da noi semplicemente non esistono, non si trovano.

Poi non parliamo degli aeroporti, mio argomento preferito… Quando passi da un volo con una compagnia aerea cinese ad un volo Air France (non dico Alitalia) le hostess francesi sembrano dei burini… E’ veramente impressionante.

Guarda questo svincolo di Shanghai. Ti posso assicurare che dal punto di vista della vivibilità quello spazio è immensamente meglio di piazza Dalmazia a Firenze… Come vedi puoi attraversare le strade su passerelle pedonali, a terra è tutto verde, tutto è ordinato… La spazialità “piranesiana” che creano questi grovigli è decisamente più affascinante delle nostre orrende piazze con le panchine o le fermate degli autobus disegnate da qualche orrendo “designer”. E di notte è tutto illuminato a Led a luce indiretta.

Amen 🙂

Annunci

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo L’Italia secondo Mario Bianchi. su C T O N I A.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: