ARMENIA MON AMOUR. Bellezza del monastero di Noravank.

20 ottobre 2011 § 6 commenti

Quanto possiamo imparare da un’architettura del XIII secolo? Tutto o nulla, naturalmente. Dipende da cosa cerchiamo. Per chi cerca i segreti del comporre architettonico, e in particolare quelli che riguardano l’architettura delle chiese, dei monasteri, degli spazi sacri, questo gioiello di pietra è un tesoro a cui attingere infinitamente (grazie ad Armeniapedia e all’ottimo sito sul Patrimonio Armeno). Altre informazioni sui monasteri armeni anche qui.

P.S.: è grazie al vecchio libro di Gantzhorn sui tappeti cristiani orientali che siamo giunti, virtulmente, a Noravank. E’ esaurito presso l’editore Taschen, ma volendo lo si può ancora reperire.

Annunci

Tag:, , , , , , ,

§ 6 risposte a ARMENIA MON AMOUR. Bellezza del monastero di Noravank.

  • MAURO ha detto:

    Ciao Cristiano, e buona Domenica.
    Il punto è “cercare i segreti del comporre”, per formarsi la “la scatola degli arnesi”, come ci insegnava Qualcuno.
    A quando Ordinè? Lì certamente la “scatola” non manca……….
    Ciao
    Mauro

  • ctonia ha detto:

    Natale! 🙂
    ciao buona domenica anche a te
    c

  • giancarlo galassi ha detto:

    Adesso non l’ho sottomano, perso in chissà quale strato di scaffalatura, ma ricordo un libro in due volumi AA.VV., Architettura Armena dal quarto al diciannovesimo secolo, De Luca Editore, Roma, 1988 che ogni tanto capita di di trovare sulle bancarelle dell’usato o dei remainders…

    Queste piccole chiese. a mio parere, fanno il paio con le icone e con la loro tradizione. Qui in architettura là in tradizione pittorica.

    Quindi sono un tesoro da studiare per noi edili.

    Vale l’insegnamento di Andrej Rublev nell’interpretazione di Tarkovskj nel film omonimo. Un’opera che tanto piaceva ad Aldo Rossi.

    Eppure c’è ancora qualcosa di più che può essere appena evocata.

    Contemplazione. Silenzio. Preghiera.

    Esperienza dell’assolutamente significativo.

    Testimonianza di un ordine.

    Amore.

  • ctonia ha detto:

    Molto suggestive le tue indicazioni, Giancarlo. Del resto l’Armenia è un tesoro immenso, e soprattutto nell’architettura religiosa cristiana.
    Ciao, grazie del commento.
    c

  • massimiliano ha detto:

    sono contento di condividere con voi l’apprezzamento per questi tesori semplicità assoluta e mi spiace di non aver avuto il fiato di scrivere qualcosa sull’architettura cistercense che in altro modo sta alla pari.
    E’ sempre bello leggervi quando riesco a rifiatare Buone cose ai cossutoni

  • ctonia ha detto:

    Grazie Max!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo ARMENIA MON AMOUR. Bellezza del monastero di Noravank. su C T O N I A.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: